Viaggio in camper

Essendo incinta di sette mesi quest’anno abbiamo deciso di fare un viaggio in camper con i miei genitori alla ricerca di un po’ di fresco. Preparato il camper e fatta la visita di controllo dal ostetrica siamo partiti per Lubiana da Firenze alle 6.30. Con un paio di soste, siamo arrivati a Lubiana dopo 6 ore e mezzo di viaggio. Io ho dormito praticamente tutto il tempo quindi, almeno per me, non è stato ne stressante e ne scomodo il “lungo” tragitto.

Lubiana

Lubiana, capoluogo della Slovenia, è molto carina, pulitissima e con un sacco di locali deliziosi. Molto caratteristico e interessante è il mercato che si chiama “Cucina aperta”, ogni venerdì da metà marzo a ottobre nel mercato principale della città vari chef sloveni preparano dal vivo i propri piatti che sono in vendita a prezzi veramente onesti. La scelta è vastissima, dalla cucina più classica slovena alla carne argentina passando dalla cucina indiana, messicana, italiana, thailandese, africana ect. Organizzato alla perfezione con tavoli da sagra, allestimento per mangiare sui gradini della piazza, bidoni per la raccolta differenziata e fontane con acqua potabile. Suggestivo, soprattutto di sera, il triplice ponte Tromostovje. Inizialmente fu realizzato il ponte centrale ma tra il 1929 e il 1932 Plecnik aggiunse altri due ponti destinati esclusivamente ai pedoni.

Maribor

La seconda tappa del nostro tour è stata Maribor, essendo molto vicina al confine con l’Austria la città porta qualche segno anche della cultura austriaca, anche dal punto di vista architettonico. Una piccola città universitaria che è conosciuta per l’offerta culturale, l’attenzione nel sociale e nello sviluppo sostenibile. Avendo programmato Maribor come tappa di passaggio per arrivare a Graz ci siamo limitati a visitare il centro storico.

Dalla piazza di Slomskov trg, dove si trova la Cattedrale di S. Giovanni Battista, parte il trenino turistico che ti mostra i vari quartieri della città. Lungo il fiume, lo storico quartiere di Lent ospita la vite più antica del mondo (Guinness dei Primati), produce ancora oggi saporiti grappoli d’uva che ogni anno vengono raccolti in modo simbolico ed imbottigliati in particolari bottiglie di vetro disegnate dall’artista sloveno Oskar Kogoj.

Graz

Siamo arrivati a Graz durante il tardo pomeriggio e visto il maltempo siamo rimasti in campeggio rimandando la visita al giorno dopo. E’ la seconda città austriaca per numero di abitanti, il centro cittadino è uno dei meglio conservati dell’Europa centrale infatti è veramente bello. Nel centro della città è situata una collina sulla quale più di mille anni fa fu edificato il piccolo castello con la Torre dell’orologio che è considerata il simbolo di Graz. L’unica pecca negativa è che essendo domenica era tutto chiuso, anche in pieno centro la maggior parte dei locali erano chiusi.

In una piazza abbiamo trovato un mercatino di artigiani con oggetti e idee molto belle, mentre nella piazza centrale dove si trova il bellissimo municipio (Rathaus) abbiamo mangiato ad una bancarella degli ottimi hot dog super farciti con würstel particolari accompagnati dalle patatine fritte anche nella versione con le patate dolci.

Bratislava

La città che mi ha sorpresa più di tutte, non pensavo mi sarebbe piaciuta così tanto. E’ la capitale della Slovacchia, il centro economico, politico, scientifico e culturale. Una città in trasformazione in seguito alla crescita economica del Paese ed al suo ingresso nell’area euro. Una bella cittadina ordinata, pulita, tranquilla, piena di cose da vedere e molta vita notturna. Con il trenino turistico siamo andati al Castello di Bratislava che domina la città dall’alto di una collina. Fu distrutto da un incendio nei primi anni del 1800 ma dopo esser stato ricostruito dal 1993 è sede rappresentativa del Parlamento slovacco. Il centro città, o città vecchia di Bratislava, è tutta pedonale e conservata perfettamente con bellissimi palazzi, viuzze e piazze. Interessanti sono le statue di bronzo che spuntano dai posti più improbabili tra cui un guardone in un tombino, il soldato di Napoleone e Andersen (scrittore di favole).

I costi per mangiare sono bassi, noi al massimo abbiamo speso 20€ in due, oltre alla cucina tipica slovacca ci sono un sacco di locali che offrono ottime colazioni in stile inglese. Per il mio compleanno siamo stati da Moods Bakery & Coffee che consiglio vivamente perché siamo stati veramente bene.

Vienna

Bratislava e Vienna sono le due capitali più vicine d’Europa, ci sono 60 km tra di loro e raggiungerla infatti è stato facilissimo. L’area di sosta del camper è in periferia e visto che Vienna è molto grande con tante cose da vedere abbiamo deciso di fare l’abbonamento della metro per due giorni così da riuscire a girarla il più possibile. Ero già stata a Vienna e anche questa volta l’ho trovata stupenda.

La mattina del primo giorno siamo andati subito a vedere il castello di Schonbrunn, immenso e maestoso con dei giardini e delle serre spettacolari. Per il resto abbiamo visitato il centro con i vari monumenti e palazzi storici, bellissimo anche il Prater, un parco divertimenti circondato da boschi, laghi e prati e il mercato Naschmarkt, il mercato più famoso di Vienna con quasi 120 bancarelle e locali che si trova tra Karlsplatz e Kettenbruckengasse.

 

Dopo Vienna era l’ora di tornare a casa, sono diversi km ma fattibili in una giornata. Per l’ora di pranzo necessitavamo di una sosta più lunga e carina rispetto al autogrill. Ci siamo fermati al Lago di Cavazzo in Friuli-Venezia Giulia, il più esteso tra i laghi naturali friulani.

Poi dritti fino a casa, casa dolce casa, anche se devo dire che si stava meglio su al fresco soprattutto io che tornata al caldo fiorentino ho cominciato ad avere nausea e mal di testa.

Direi che con una media di 10 km al giorno è stato un viaggio interessante ma anche con un buon ritmo, non dico stancante però non ci siamo fatti mancare niente.

Era da tanti anni che non facevo le vacanze in camper e devo dire che come stile di viaggio mi piace molto, con un bimbo molto piccolo forse troppo complicato però appena sarà fattibile porteremo anche Emanuele a giro per il mondo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...